Secondo modulo di scrittura creativa

Il corso si articola in 76 ore complessive suddivise in 38 lezioni di 2 ore ciascuna. Per iscriversi occorre aver frequentato il Primo Modulo di Scrittura Creativa.

IL PROGRAMMA

diretto e condotto da Walter G. Pozzi

L’attività dello scrittura non concerne esclusivamente il romanzo. Scrivere ha a che fare con il pensiero. Il lavoro sulla parola è un lavoro sul pensiero. Ed essendo l’uso della parola e dei suoi significati uno strumento di potere molto importante nelle democrazie moderne, uno dei compiti di chi scrive consiste nel seguire le oscillazioni e le derive di tali significati. Un tempo, tale compito di vigilanza era coperto da una figura che Sartre definiva l’intellettuale impegnato. Il primo è stato Zola, allorquando, rischiando il carcere, è intervenuto con il celeberrimo “J’accuse” nel dibattito politico sull’affaire Dreyfuss, arrivando a un passo dal fare cadere lo Stato Maggiore francese. Durante il Secondo Modulo, gli allievi si trovano coinvolti in un doppio impegno: la partecipazione al comitato di redazione della rivista e la messa in cantiere, la progettazione e la prima stesura del primo romanzo. In altri termini, due attività diversamente impegnative che li coinvolgeranno secondo differenti temporalità. La rivista letteraria “Paginauno” rappresenta la possibilità di pubblicare in tempi brevi un racconto, una recensione, un’opinione riguardo a fatti che intervengono nell’attualità, attraverso il linguaggio proprio a una scuola di scrittura: il linguaggio letterario. Il romanzo è la lunga distanza. E’ la montagna da scalare portando appresso meno peso possibile. E questo “peso”, sovente è quello delle opinioni, degli studi, del desiderio di fare sentire la propria voce e di non avere uno strumento per farlo. Energie che, se represse, chiedono pericolosamente di entrare nella millimetrica struttura del romanzo con il rischio di appesantirlo e rovinarlo. In un certo senso, rivista e romanzo sono due dimensioni che si compenetrano completandosi; sono attività necessarie l’una all’altro. E la rivista è lo strumento che permette allo scrittore di tenersi leggero durante la lunga scalata.

La Pratica in sintesi:

1. Partecipazione attiva al comitato di redazione della rivista letteraria “Paginauno” - Stesura di articoli e di racconti Analisi e studio di alcuni basilari romanzi classici del novecento (i romanzi adottati dalla Scuola) - Destrutturazione del testo; riconoscimento e approfondimento delle tecniche di narrativa apprese durante le lezioni del Primo Modulo
2. Lettura e analisi di saggi che illustrino le dinamiche sociali, storiche ed economiche, oramai rimosse dalla memoria collettiva, sulle quali è organizzata la società contemporanea - Inserimento dei personaggi nell’attuale contesto sociale. Costruzione dello sfondo nel quale ambientare un romanzo
3. Messa in cantiere, attraverso la progettazione la documentazione e la stesura, del primo romanzo
4. Lettura di articoli di giornale - Trarre spunto dalla cronaca e dalla quotidianità per dare vita ai propri racconti
5. Documentazione, ricerca e selezione di materiale sul quale elaborare racconti e romanzi
6. Esercitazioni continue con l’aiuto dei suggerimenti del docente e attraverso il confronto con i compagni di studio - Traduzione della creatività in progetto narrativo.

Il percorso di studio comprende anche la partecipazione agli incontri con gli scrittori.

Quota di partecipazione: Euro 950,00

Orario: ore 20,00 / 22,00

Frequenza: settimanale

Giorno: giovedì

Durata: nove mesi

Sede corsi: Milano, via Pordenone 15

Come arrivare: MM Udine, linea verde. Tangenziale est, uscita Palmanova

Per iscrizioni:

pozzi.walterg@libero.it
348/6969559

 

 

La Scuola
La Scuola di scrittura creativa
La Scuola di giornalismo d'inchiesta
Altri corsi
Altri seminari
I docenti
Il progetto Paginauno

 

Giovanna Cracco
Giovanna Baer
E se il mostro
fosse innocente?

libro inchiesta

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

Davide Pinardi
Narrare
critica letteraria

 

 

 

 

Newsletter su corsi e iniziative della scuola: